La Loira festeggia Leonardo

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il 2019 segna una data importante non solo per l’Italia e la Francia, ma anche per l’Europa e il mondo intero: nel 1519 moriva nel castello di Clos Lucé, ad Amboise, Leonardo da Vinci, il genio per eccellenza.
Ed è in occasione del Cinquecentenario della sua morte che Francoise Bonneau, Presidente della Regione Centro valle della Loira, invita ad un viaggio sulle orme di Leonardo da Vinci spinti dallo stesso spirito rinascimentale e alla scoperta della Valle della Loira.
Un invito per far conoscere il fitto calendario di eventi in programma dal 2 maggio al 31 agosto 2019, attraverso un vero e proprio Festival di manifestazioni di vario genere che proseguirà sino al prossimo gennaio 2019, un vero e priprio tour dal titolo: “Viva Leonardo da Vinci”, che toccherà 11 Paesi in 3 continenti.
Questo importante appuntamento, che vede in programma più di 700 eventi, permetterà di scoprire l’arte di vivere della regione, considerata patrimonio dell’Unesco – precisa il Presidente Bonneau – con i suoi meravigliosi castelli, la gastronomia, il vino, la creazione e la creatività“.
Il festival sarà una grande festa culturale e popolare, inedita. Un vero omaggio all’Italia, all’ispirazione e allo spirito innovatore che ha suscitato in Francia”, hanno ricordato Frédéric Meyer direttore di Atout France in Italia e il console generale di Francia, Cyrille Rogeau.
Tra le tante iniziative di questo straordinario tour, avranno un posto anche i TGV francesi, i treni ad alta velocità, che collegano ogni giorno Parigi a Milano, che viaggeranno con vetture che riporteranno il volto e alcune delle opere di Leonardo.
L’occasione offre la possibilità di costruire ponti di dialogo con la Francia. Non c’è rivalità, Leonardo appartiene al mondo intero ed è giusto fare rete per promuoverlo. E come farlo se non connettendo in maniera profonda i luoghi dai lui abitati?” ha aggiunto Filippo Del Corno, assessore comunale alla cultura della città di Milano.
Inoltre, da fine anno, come detto da Meyer “partirà una campagna di comunicazione rivolta al grande pubblico italiano e la commercializzazione di programmi ed itinerari di viaggio a tema Rinascimento, con soggiorni di 2 o 3 notti nella Valle della Loira”.
Il Castello di Clos Lucé ad Amboise, dove concluse la sua vita il genio italiano sarà il cuore dei festeggiamenti, ma tutta la regione sarà ricca di eventi: i castelli di Chambord, di Azay le Rideau, di Chenonceau, di Valençay, l’Ala Francesco I del Castello Reale di Blois e l’intera regione Centro-Valle della Loira, culla delle arti e dell’architettura del Rinascimento in Francia, ospiteranno eventi dedicati a Leonardo da Vinci.
La programmazione eccezionale del 2019 è il frutto di uno slancio territoriale che ha come vocazione l’intento di creare un dialogo fra le epoche e i grandi temi del Rinascimento, facendolo attorno a tre grandi assi: il patrimonio, la scienza e la tecnica; le arti, la cultura e le arti di vivere.
Questa programmazione sostenibile e ufficiale, è ispirata dall’effervescenza del Rinascimento, dal genio di Leonardo da Vinci e da idee contemporanee come l’Umanesimo, l’universalità e le rivoluzioni attuali: l’insieme degli eventi e delle manifestazioni comprende destinazioni e percorsi per tutti, dal semplice appassionato, all’esperto d’arte, di cultura scienza e arte di vivere.
Più di 700, come detto, gli eventi in programma che coniugano epoche, mondi, idee e forme artistiche: ecco quindi mostre, spettacoli, convegni scientifici internazionali, visite e itinerari del patrimonio, creazioni di opere, strumenti e laboratori di mediazione, proposte digitali. Tra le altre anche la straordinaria presentazione dell’arazzo dell’Ultima Cena, copia del celebre affresco di Leonardo da Vinci, che per la prima volta lascerà, proprio per questa occasione, i Musei Vaticani.