L’Avvento a Bressanone

Il 24 novembre scporso è stato finalmente il momento di aprire il Mercatino di Natale di Bressanone e dare così inizio al santo periodo dell’Avvento, mercatino conosciuto oltre i confini comunali e nazionali non solo per l’atmosfera speciale che si respira nella piazza del Duomo e nei portici e nelle strade circostanti, ma anche perché qui si possono trovare prodotti tradizionali e regionali, oltre a idee regalo e decorazioni uniche.

Il profumo delle figure di legno, la sensazione accogliente delle pantofole di feltro, il tremolio delle candele decorate, il dolce tintinnio delle decorazioni in vetro dipinte a mano, l’inconfondibile profumo dei biscotti natalizi freschi, le note soavi dei canti natalizi…
Basta chiudere gli occhi ed è lì: l’atmosfera prenatalizia che riempie gli occhi dei bambini e lascia che gli adulti si abbandonino ai ricordi: chi visita il Mercatino di Natale di Bressanone non rimarrà deluso.

Quest’anno più che mai la tradizione e la regionalità sono in primo piano: dalle casette di argilla e i presepi in pietra, alle miscele di tè e spezie a base di erbe altoatesine, dagli oli essenziali e gli unguenti alle corone dell’Avvento e le stelle di paglia; dalle decorazioni in legno per l’albero di Natale alle candele e alle radici di melo, le bancarelle sono piene di sorprese e idee regalo speciali.

La regionalità è, come detto, all’ordine del giorno anche per quanto riguarda i cibi e le bevande della gastronomia altoatesina: oltre al tradizionale vin brulé, c’è anche il gin brulé; lo strudel di mele e biscotti natalizi come souvenir o hamburger e Strauben per un consumo immediato; sono disponibili anche fragrante pane fresco, brezel e gröstl del contadino.

Al Mercatino di Natale c’è un nuovo luogo di incontro, il ” focolare”, dove si svolgono momenti speciali al chiarore serale del fuoco tremolante: durante l’Avvento, il lunedì e il mercoledì vengono lette storie di Natale (dalle 16 alle 17) e ci sono anche dimostrazioni di artigianato tradizionale.


Durante l’Avvento
sono ben salde in calendario alcune tradizioni, alcune delle quali quasi dimenticate e che ora vengono riproposte a Bressanone, come la festa di Santa Barbara il 4 dicembre, quando si tagliano e si mettono a bagno in casa i rami degli alberi da frutto o dei legni ornamentali: se i boccioli si aprono entro la Vigilia di Natale, significa buona fortuna.

Al mercatino di Natale di Bressanone, i rami di Santa Barbara vengono venduti per una buona causa: il 5 dicembre è il giorno dei Krampus e durante il loro corteo, dalle 17, nel centro storico di Bressanone c’è molto rumore, perché i diavoli spaventosi sfilano per la città.

La situazione è molto più tranquilla il 6 dicembre, giorno di San Nicola: accompagnato da angeli, San Nicola sfila per la città e distribuisce dolcetti.

E c’è di più: in occasione del giorno di Santa Lucia, l’11 dicembre, al mercatino di Natale si realizzano candele dei desideri per beneficenza: biscotti natalizi, frittelle di mele, krapfen e tirtln e si può imparare a preparare tutti questi prodotti da forno e piatti tradizionali e a scoprirne il sapore durante i vari showcooking.

Nella Biblioteca Civica, l’OEW (Organizzazione per un Mondo Solidale) organizza diversi momenti speciali: dalla cottura del pan di zenzero ai laboratori di artigianato con materiali riciclati, oltre a workshop sul tema della plastica e dell’upcycling. La biblioteca comunale ospita anche letture e proiezioni di film per bambini.

Potrebbe quasi essere un’allusione ai tempi difficili di oggi, quando la bambina Liora e Monsieur TickTack parlano del “valore del tempo” e raccontano la storia, della paura di perdere i momenti belli e i ricordi che fanno sprofondare l’umanità nel buio.


Lo storico cortile interno dell’Hofburg, impreziosito da dialoghi parlati e cantati e da immagini colorate, rivive nel periodo natalizio: la fiaba di Natale, Liora, chiede ai visitatori di fermarsi per tutta la durata del musical e di vivere ogni momento in modo consapevole e intenso.

Bressanone è particolarmente orgogliosa che il musical sia interpretato da attori altoatesini (Greta Marcolongo, Anna Fink, Peter Schorn e René Dalla Costa): inoltre, Eva Kuen di Bressanone, ha scritto la storia ed ha anche curato la regia; l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento ha registrato le musiche (di Stephen Lloyd), mentre i testi delle canzoni sono di Arno Dejaco.

Le rappresentazioni avranno luogo ogni sera dal 24 novembre al 7 gennaio 2023 (tranne il 24 e il 25 dicembre), alle 17.30 in tedesco e alle 18.30 in italiano nel cortile della Hofburg: venerdì, sabato e nei giorni festivi si aggiunge un’ulteriore rappresentazione in lingua italiana alle 19:30: l’ingresso per gli adulti è di 10 euro (fine settimana e giorni festivi 12 euro) a persona. Sono previsti sconti per bambini, studenti e anziani.

Il Mercatino di Natale di Bressanone è stato dichiarato Green Event: ciò comporta misure sostenibili in vari settori, dalla riduzione dei rifiuti al risparmio energetico. Da anni ormai il mercatino di Natale è alimentato esclusivamente da energia elettrica di origine rinnovabile e per l’illuminazione vengono utilizzate lampade a LED.

L’impronta ecologica è garantita dai collegamenti ferroviari DB-ÖBB senza alcun cambio partendo da Venezia e Bologna via Verona fino a Bressanone a partire da 9,90 euro: mostrando il biglietto del treno, i viaggiatori della DB ottengono uno sconto sul biglietto per il light musical Liora: a livello locale, la BrixenCard dà la possibilità di utilizzare tutti i mezzi di trasporto pubblico, di partecipare a eventi culturali ed escursionistici e di usufruire di vari sconti.
Tutte le informazioni su:
www.brixen.org/natale